Delitto Dina Dore: confermato ergastolo

La Corte di Cassazione ha confermato l'ergastolo per Francesco Rocca, il dentista di 49 anni di Gavoi, accusato di aver ordinato l'omicidio della moglie, Dina Dore, avvenuto nel garage della loro abitazione il 26 marzo del 2008. L'uomo è in carcere a Nuoro dopo la condanna a vita inflitta nei primi due gradi di giudizio. Rocca, che si è sempre professato innocente, non era presente a Roma, ha preferito restare nella cella del carcere di Badu 'e Carros dove da tempo è detenuto. C'era il pool dei suoi difensori, Mario Lai e Angelo Manconi affiancati dal cassazionista Franco Coppi: si sono battuti per il rigetto delle due precedenti sentenze di condanna, ma i giudici della Suprema corte hanno confermato l'ergastolo. Soddisfatti gli avvocati di parte civile, Massimo e Roberto Delogu, che hanno rappresentato la famiglia della vittima. Fu Rocca, quindi, ad aver commissionato il delitto della moglie, dando il mandato all'allora 17enne Pierpaolo Contu, che sta scontando una condanna definitiva a 16 anni come esecutore materiale dell'omicidio. Secondo la ricostruzione dei processi di primo e secondo grado, il dentista avrebbe agito perchè voleva rifarsi una vita con l'amante, Anna Guiso, sua assistente di studio, senza incorrere nei pesanti danni economici di un divorzio. Per liberarsi della giovane moglie - all'epoca la donna aveva 37 anni e una figlia di pochi mesi, con lei al momento dei tragici fatti - Rocca aveva inscenato un sequestro di persona per allontanare ogni sospetto su di sè. La svolta è arrivata cinque dopo il delitto con il racconto di un supertestimone, Stefano Lai: è stato lui a svelare agli inquirenti - la Dda e la squadra mobile di Nuoro - la confidenza di Pierpaolo Contu, che gli aveva confessato l'omicidio su commissione, e dietro una ricompensa di denaro, indicando Rocca come mandante. Il 28 febbraio 2013 scattano così gli arresti del dentista del minorenne. "Il 22 settembre Dina avrebbe compiuto 47 anni, faremo una messa per ricordarla. Niente torta, niente auguri, solo fiori per lei", ha detto la sorella Graziella Dore all'ANSA mentre ancora si aspettava il verdetto della Cassazione. (ANSA).

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Anela

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...